Dopo Kyani anche Organo Gold ha esteso la propria linea di prodotti. Non solo, ha scelto di pestare i piedi ad Herbalife annunciando il suo ingresso nel settore del dimagrimento. Insomma, un’ulteriore iniziativa “salva-fatturato” che però avrà il solo effetto di diluire ancora di più il brand aziendale.

Che cosa è Organo Gold?

In origine il brand di Organo nasceva sul concetto di “Gourmet Coffe”. Se ti è mai capitato di assistere ad un meeting aziendale, saprai che introducono sempre il business sfruttando la leva del caffè come bevanda più bevuta al mondo.

Ad ogni modo non serve andare ad un meeting di presentazione. Basta fare delle ricerche su Google, e sarà palese che per gli stessi distributori, fino ad oggi, ORGANO GOLD era CAFFE’ GOURMET… FINE.

Ora ci sta (?!) che come prodotti di back-end ci associ il thé gourmet, o la cioccolata gourmet. E ci sta (?!)… facciamo che ti passo pure le pillole con le spore di Ganoderma. Non voglio essere pignolo né scendere troppo in profondità nella questione, ok? Ma mi spiegheresti da dove D-I-A-M-I-N-E salta fuori OGX lo shaker dimagrante???

I distributori di Organo Gold stanno impazzendo per questa iniziativa. E sicuramente la stessa azienda -nel breve termine-, aumenterà il proprio fatturato facendo affarucci con i propri fedelissimi.

Sul medio lungo-termine però il nuovo OGX andrà a corrodere gli utili dell’azienda perché una marca che parla di caffè non sarà MAI credibile come marca dimagrante.

Queste cose i distributori non le sanno. Non le studiano. Per loro la parola Marketing accanto a Network è un concetto capitato lì per caso, per qualche strano scherzo del destino. Organo Gold è il più grande esempio di azienda di MLM mantenuta in vita dall’entusiasmo dai ragazzini di fascia 18-25 anni.

Sia chiaro che non sto criticando né l’azienda né i suoi distributori. Però la “motivazione” purtroppo da sola NON basta a proteggere una marca dalla follia dilagante dei suoi dirigenti.

Questa malattia non riguarda solo Organo Gold

L’Industria del Network Marketing in questi anni è messa continuamente a dura prova. Non parlo solo di Organo Gold, mi riferisco proprio al modello di business “sporcato” in sé e per sé. Le grandi compagnie che in questi decenni hanno regnato sovrane stanno cominciando a vacillare per 3 motivi:

(1) Hanno un business model bucherellato come uno scolapasta;

(2) I loro brand si diluiscono ogni giorno sempre di più;

(3) L’effetto droga delle spinte motivazionali sta perdendo efficacia;

…senza contare che da quando è nato il Blog di NMO, i networkers stanno diventando più consapevoli di certe “truffe legali” e hanno smesso di cadere vittima dei giochetti di queste aziende.

Questi concetti elencati non sono fenomeni separati, ma ciascuno è la conseguenza dell’altro. Attraverso questi 3 passaggi le aziende di Network Marketing assassinano i propri Brand.

Come muoiono i Brand nel Network Marketing?

Siccome il modello di business del Network Marketing sporco, per tutta una serie di motivi sta cominciando a vacillare, i fatturati delle aziende calano.

Le aziende allora cosa fanno per impedire il calo di fatturato? Colpo di genio: estendono il proprio Brand nelle nicchie di mercato più disparate, dove riscontrano una forte domanda da parte dei consumatori. Facendo così, sperano di non far calare il fatturato.

All’inizio tutto va a gonfie vele, ed i distributori esaltati dalla novità, decidono di assaporare la nuova impresa della loro azienda. I fatturati in questo modo rallentano MOMENTANEAMENTE la propria discesa impetuosa.

I nuovi potenziali clienti però, esterni all’azienda, non si fideranno di un marca di condizionatori che comincia a parlare di latte. E dopo un paio di mesi, quando anche per i distributori sarà passato l’effetto wow! della novità, il fatturato riprenderà la sua impennata verso il basso.

A quel punto subentrano le “giornate motivazionali”, dove l’azienda dovrà obbligare i propri leader ad aumentare gli incontri dove si salta sui tavoli e si grida come scimmie impazzite. L’idea è quella di spremere qualche autoconsumo in più ai poveri distributori.

Questo rituale della “mungitura” viene poi ripetuto ed alternato ciclicamente ad altre estensioni di linea. Almeno fino a che il povero Brand, ormai diluito all’ennesima potenza, non perderà definitivamente qualsiasi significato nel proprio mercato di riferimento.

Che cosa dovrebbe fare Organo Gold?

Nella mente dei consumatori c’è spazio SOLO PER DUE BRAND ad occupare la medesima categoria, perciò a lungo andare ogni mercato diventa una corsa a due cavalli.

Ogni giorno vediamo nascere nuove aziende di MLM concentrate unicamente sul sistema di distribuzione. Si sforzano tutte di occupare una categoria che già possiede i suoi due “padroni”.

In una categoria satura non risulta produttivo continuare a focalizzarsi sul sistema distributivo come accadeva prima per Amway e dopo per Herbalife.

Se poi vogliamo dirla tutta, Amway non è neanche la produttrice delle marche presenti nel suo shop. Ha fatto in modo di avere un Brand per ogni mercato potenziale da conquistare.

Mi spiego meglio. Non esiste Amway Cosmetica, piuttosto una marca specifica, cioè Artistry. Non c’è Amway Vitamin, c’è invece Nutrilite, marca persino pre-esistente ad Amway.

Organo Gold a mio avviso dovrebbe fare un retro-front, concentrandosi sul concetto di “caffè che paga”. La sua area di sviluppo riguarda piuttosto il miglioramento del Piano Compensi. Per prima cosa dovrebbe semplificarlo e snellirlo. Poi dovrebbe avere il coraggio di decentralizzare il business principale dalla vendita dei pacchetti d’ingresso e togliere quella menata del dual team.

Ricordo benissimo in che maniera il caffè di Organo Gold venne portato con successo per la prima volta in Italia. All’epoca non si parlava né di caffè gourmet, né di caffè al Ganoderma. I leader facevano leva sul Personal Brand di Holton Buggs, l’uomo che guadagnava 1 milione di dollari al mese con quel caffè.

Ora se sei un distributore di Organo Gold una tacca più sveglio degli altri, non prenderai questa analisi sul personale. Quando sai fare tesoro degli errori della tua azienda, con umiltà ed intelligenza, significa che quegli errori potrai evitarli mentre sviluppi il tuo Personal Brand e indirettamente aiutare la tua azienda.

 

Commenti

commenti